In cima alla felicità

Dio, che dipinge fili d'argento fra i miei passi, mi ha dato un grande insegnamento. Quando le emozioni scrollano il mio cuore, io, nonostante le oscillazioni, riesco a stare in equilibrio. Sul lavoro, quando tutto sembra schiacciare, come una mano che spinge giù, con forza, io faccio leva contro il pavimento e riesco a contrastare … Continua a leggere In cima alla felicità

Annunci

L’ISPIRAZIONE

Ricevere in dono una poesia, è un’emozione per la quale, il cuore, si allarga e crea uno spazio speciale, fatto di ovatta e luce soffusa, per cullarla e custodirla, per sempre.

Io, che vivo come fosse l’oggi, il giorno più importante.

Lasciandomi accarezzare dalle piccole cose. Per molti, insignificanti…

Figurarsi quando a sorpresa, leggo di questo meraviglioso dono.

Natale è un poeta raffinato. Trasforma e rimodella, come creta, ciò che ci circonda. Conferendo una sorta di nuovi colori e sapori.

Quando leggo i suoi versi, mi lascio prendere per mano dalle parole, come Alice nel paese delle meraviglie.

È con gioia, quindi, che condivido la sua poesia.

Grazie Natale.

Circolo16

L’ISPIRAZIONE

(Dedicata a Dina di Emozioni)

Navigando per siti e dolori, attento al tempo

cangiante, alle altalene stagioni, ragionando

sul chi sono, che ci faccio qui, evanescenti

illusioni cercando

(lo vedi, Dina, provo a spiegarti come so!),

ho smarrito il filone, la vena cava che irrora la mente

di versi sempre nuovi (tu la chiami P O E S I A).

Allora, dico, provo a stare seduto

davanti al tramonto, rosso, sul mare,

di quelli che scatenando le tempeste nel cuore,

spalancano le porte della mente.

Così come non scrivere parole,?

Volendo comporrei

la serenata di Cilea, dipingerei

l’infuocato temporale con navi di Turner.

Ma anche, senza sforzo,

una jam improvisation di sax tenore, tipo bebop,

ricordando Charlie Parker – The Bird.

Invece m’attardo

alla sera

che s’annuncia

coi voli di gru all’orizzonte,

immobile io,

sta ferma la mente.

Domani, forse, accadrà.

View original post

Fiducia

Cosa è la fiducia, per me? Chiudo gli occhi e provo a vederla. È appoggiare la mia anima, nelle mani di una persona. Sperando che sia in grado di accudire con cura, i miei silenzi o le mie parole.. È sentirsi al sicuro. Protetti. Se c'è buio, non c'è paura. Se piove, non ci sono … Continua a leggere Fiducia

Libertà

No. Non vorrei tornare indietro con l'età. E perché poi? Forse, se potessi, scaricherei a terra, questo terribile mal di schiena che ormai mi accompagna da un po' di tempo. Null'altro! Ho raggiunto nuove consapevolezze. Tappe, che mai, mai, avrei nemmeno lontanamente immaginato di poter raggiungere. Ho imparato ad aprire l'ombrello, anche se il vento … Continua a leggere Libertà

Esser catechista

Stamattina, seppur reperibile( ho il cellulare sempre in tasca), sono andata a Messa. Il Don, dopo l’omelia, ha letto " il mandato dei catechisti". Chiamandoci per nome. Ne sono molto felice e fiera. Mi sento onorata di esser catechista. Emozionata. Mi piace stare coi ragazzi. Purtroppo, ogni anno, sempre meno persone si offrono per questo … Continua a leggere Esser catechista

Ringraziare. Sempre.

Ringrazio ogni mattino, attraverso il segno della croce, Dio, per il dono del nuovo giorno. Non riesco a farne a meno. Lo saluto e gli affido le persone più care. Faccio colazione con latte, Nesquik e qualche biscotto. Poi mi reco in bagno, dove col filo interdentale, faccio buffe facce allo specchio. Mi lavo denti … Continua a leggere Ringraziare. Sempre.

La felicità altrui

Ho sempre pensato che chi lavora in Sala Operatoria, se dedito al suo lavoro, svolgendolo con passione, e prodigandosi per gli altri, fosse immune da gravi malattie. Una sorta di super eroe, insomma. Certo. Lo so che è impossibile. Ma mi son sempre lasciata accarezzare da questa idea. Noi tentiamo, con tutte le nostre forze, … Continua a leggere La felicità altrui

Rinascere…

Niente come il suono dell’acqua, ha su di me , un effetto rigenerante e rilassante. Che sia pioggia. Mare. Lago. Torrente. E pensare che quand’ero piccina, poco ci mancò che finissi annegata. Avevo circa tre anni. Io, fortunatamente, ricordo nulla. Ma per anni, nel paese dove successe, le persone anziane che m’incontravano dal panettiere , … Continua a leggere Rinascere…

Tutto può accadere…

Quando iniziai a lavorare in Sala Operatoria, come strumentista, una delle cose che più mi mancò, fu il rapporto con i pazienti. Il ruolo strettamente tecnico, escludeva l'approccio diretto con le persone che salivano sul letto operatorio. Io, girata, verso i miei carrelli preparavo i ferri. Decine e decine di pezzi. Concentrata sul conteggio esatto. … Continua a leggere Tutto può accadere…