Respiro gioia

Ieri sera, a Messa, la benedizione dell'acqua e del fuoco. La Chiesa buia. Tu, Dio, mi hai ricordato ancora, quanto siano belle e preziose le cose che hai creato. Sia benedetto il giorno che ci ha fatto incontrare. Un'amicizia bellissima. Di quella che nutre come il pane appena sfornato. Da voler riempire il sacchetto di … Continua a leggere Respiro gioia

Annunci

Bisogna aver coraggio!

Un tempo sognavo spesso di volare. Non so se vi è mai successo. È un'esperienza incredibile. Un senso di pace e di libertà che al risveglio, erano ancora presenti. Emozioni talmente forti, che m'accompagnavano poi, durante la giornata, con una leggerezza nel cuore, che aveva il sapore della serenità. Nulla. Nulla poteva intaccarla. Nei sogni, … Continua a leggere Bisogna aver coraggio!

Serenità

Sul mio armadietto, nello spogliatoio, ho posto un biglietto, dove ho scritto una frase trovata sul web: " Se potessimo guardare nel cuore degli altri e capire le sfide che ognuno di noi affronta tutti i giorni, sicuramente ci tratteremmo con più gentilezza, pazienza, tolleranza ed amore". Sono rientrata dopo un periodo di malattia. Ora … Continua a leggere Serenità

Dolore

Ci son sassi, mentre avanziamo, che si sgretolano. Ma alcuni, producono un tonfo così forte, così potente, da lasciare sordo, per un po’ di tempo, il nostro cuore. È successo un paio di giorni fa. Ore 7.30. Sale Operatorie. Son sulla specialità ginecologica. A fianco, quella di chirurgia generale. Chiamiamo i pazienti, in reparto. Oggi … Continua a leggere Dolore

In cima alla felicità

Dio, che dipinge fili d'argento fra i miei passi, mi ha dato un grande insegnamento. Quando le emozioni scrollano il mio cuore, io, nonostante le oscillazioni, riesco a stare in equilibrio. Sul lavoro, quando tutto sembra schiacciare, come una mano che spinge giù, con forza, io faccio leva contro il pavimento e riesco a contrastare … Continua a leggere In cima alla felicità

Nelle mie scarpe

Titty è una mamma.
Speciale.
Di una bimba, molto speciale.
I loro giorni, son tessuti di incontri speciali. Dove non ci sono parole.
Perché i loro sguardi son frasi perfette.
I loro cuori, si accarezzano là, dove le mani, non possono muoversi.
Io ho il privilegio di leggere il suo coraggio.
La sua fiducia in Dio.
Mai.
Mai una lamentela.
Solo dolcezza.
In un cammino non semplice. Dove i passi si trascinano per la polvere.
Condivido quindi con affetto, ma soprattutto con una stima senza limite, che il mio piccolo cuore nutre per questa donna immensa e straordinaria.
Con un’anima grande.

Angelo Gabrb3

Chissà quanti passi avremmo fatto insieme noi, quanti giochi avresti fatto con le mie cose.
Ti immagino nelle mie scarpe
Per un folle e crudele destino sono io a calzare i tuoi giochi, invento e ti racconto storie cercando di strapparti uno sguardo, una piccola attenzione, un effimero sorriso…
E così passano le nostre giornate, pochi passi, in quattro mura, accerchiate di amici immaginari, storie fantastiche e avventure che mai potrai vivere o solo immaginare!
Non saranno certo delle scarpe a farti fare piccoli o grandi passi, tu di passi ne fai tanti, ogni giorno… affronti il cammino nel tuo modo, ce la metti tutta, nonostante le tue complicate sofferenze.
Ed io ti accompagno nel percorso, ti tengo la mano, ti guardo vivere in questo corpicino inerme che ha tanto da raccontare e tanto da insegnare. Allora ecco, sono io ad ascoltare le tue storie “fantastiche” che solo tu…

View original post 8 altre parole

Libertà

No. Non vorrei tornare indietro con l'età. E perché poi? Forse, se potessi, scaricherei a terra, questo terribile mal di schiena che ormai mi accompagna da un po' di tempo. Null'altro! Ho raggiunto nuove consapevolezze. Tappe, che mai, mai, avrei nemmeno lontanamente immaginato di poter raggiungere. Ho imparato ad aprire l'ombrello, anche se il vento … Continua a leggere Libertà

Ringraziare. Sempre.

Ringrazio ogni mattino, attraverso il segno della croce, Dio, per il dono del nuovo giorno. Non riesco a farne a meno. Lo saluto e gli affido le persone più care. Faccio colazione con latte, Nesquik e qualche biscotto. Poi mi reco in bagno, dove col filo interdentale, faccio buffe facce allo specchio. Mi lavo denti … Continua a leggere Ringraziare. Sempre.

Insegnare il perdono…

Quando mio papà aveva otto anni, sua mamma morì. Era depressa e stanca. Si suicidò. Ultimo di cinque fratelli, trascorse poi la sua adolescenza, solo, col padre. I fratelli, molto più grandi, un poco alla volta se ne andarono perché si sposarono. In casa mai si parlava “ del fatto”. A quei tempi, una cosa … Continua a leggere Insegnare il perdono…

Rispetto

Per tanti anni, mia mamma , ha fatto la donna delle pulizie. A Milano, spesso, mi portava con se. Andava in un paio di case. Una me la ricordo bene, nonostante fossi piuttosto piccola. Due sorelle anziane, contesse, erano le proprietarie di un bellissimo appartamento in centro. Io ero vivace. Coi capelli corti. Mora. Occhi … Continua a leggere Rispetto