Non mollo!

Capita che sia il mio compleanno. Diversi giorni fa. A mia mamma viene comunicato, per via telefonica, che l’ago aspirato, effettuato pochi giorni prima, al seno, ( in un Ospedale diverso dal quale io lavoro) è risultato essere un nodulo positivo. Che bisogna togliere immediatamente tutta la mammella. Non c’è tempo da perdere. Lei, viene da me, un po’ agitata.

Io invece , mentre metabolizzo il tutto, mi arrabbio con chi le ha dato una simile notizia per telefono. Perché, mentre lei affermava di voler parlare con me, che lavoro in Sala Operatoria, la dottoressa si spazientiva rammentandole che non c’era motivo per discutere la decisione.

Chiamo subito il numero memorizzato sul cellulare di mia mamma.

Inizio ” Buongiorno. Sono la figlia di Lucia…”

” Ho appena parlato con sua mamma. Mi sembra di esser stata chiara”. Con tono minaccioso ed arrogante.

” No, scusi. Io la chiamo semplicemente per sapere quando venire a ritirare l’esito poiché abbiamo deciso di andare a fare un altro consulto”.

Si arrabbia ancora di più. Ed urlando ” Ma con chi crede di parlare? Siamo specialisti all’avanguardia. Vantiamo più di 400 interventi al seno, abbiamo un’equipe di primo livello”.

Inizio a spazientirmi ” Non voglio certo mettere in dubbio la vostra..”

E mi sbatte giù il telefono!

Rifaccio il numero. Incazzata come una vipera. Ma dico? Ma è mai possibile? Ma questa è tutta deficiente!

Dopo venti minuti, riesco a prendere la linea. Mi risponde la segretaria. Cerco della dottoressa, ma è andata via. Mi faccio dire giorni e orario per ritirare il referto.

Passano un paio di giorni, perché la neve, rende le strade pericolose. Poi, appena possibile, i miei genitori, accompagnati da mio marito, vanno a prendere il risultato.

Verso metà mattina, dal lavoro, le telefono. È ancora in auto.

Mi dice ” Ora te lo leggo. C’è scritto che ho un carcinoma infiltrante al seno. Le cellule ed i frustali analizzati…”

Non sento più nulla.

Non capto null’altro se non “Carcinoma infiltrante”.

Ho le gambe molli. Metto una mano sul cuore. Il martellare violento, sembra spezzare le costole. Avverto un dolore che m’impedisce quasi di parlare.

Riesco a dirle ” Mamma, non preoccuparti, ci penso io”.

Vado in bagno. Le lacrime non ubbidiscono alla mia volontà. Maledette!

State lì, vi prego. No. Ora no. Non è il momento.

Sono al lavoro. Come faccio ad uscire? Mi bagno il viso. Niente.

Respiro a fondo. Bevo un po’ d’acqua dal rubinetto. Guardo in alto. Deglutisco. Fermo le lacrime.

Telefono ad un primario senologo che ha operato la mia collega. Un’altra invece, me lo ha consigliato perché anni fa, ha lavorato con lui.

Lo dico sempre. Niente, più di una strumentista, conosce come opera un chirurgo. Nessuno!

Mi risponde al secondo squillo. Cordiale. Voce pacata. Profonda. Lo informo , leggendogli il referto.

Dice” Vi aspetto domani mattina . Qui, in reparto.”

Mi reco dalla caposala per chiederle il permesso di poter accompagnare, l’indomani, mia mamma. Come mi vede, intuisce che qualcosa non va. Crollo! Piango. Non riesco quasi a parlare. Non riesco ad articolare alcun suono. Ho un peso sulle corde vocali, che impedisce alla voce di uscire…

Mi abbraccia. Riesco a sobbalzi, a dirle cosa è successo. Restiamo un po’ così. Si commuove. Mi risponde che non ci sono problemi. Mi dice che devo essere forte. Che io, sono forte. Scuoto la testa in segno di diniego. Mi sento invece fragile.

Torno in Sala.

Alcuni miei colleghi, mi guardano. Ho gli occhi arrossati. Spiaccico qualche parola, in preda nuovamente, delle emozioni.

Mi stringono.

Dio mio. Quanto ne ho bisogno!

Il giorno seguente, siamo andate dal chirurgo. Ha eseguito altri accertamenti. Sempre gentile. Mai di fretta. Disponibile. Ha spiegato bene. Ha compilato l’impegnativa per la risonanza, evitando di andare dal medico curante.

Ha già programmato l’intervento.

In base all’estensione del nodulo ed all’esito del linfonodo sentinella, in fase d’intervento, deciderà se asportare solo un quadrante, o tutto il seno. Il tipo di neoformazione non è maligna. Ma la mammella ha anche molte calcificazioni. Quindi si vedrà.

Oggi mia mamma, ha eseguito la risonanza.

È positiva. Tranquilla. Ha fede.

Ed io, con lei.

Certo, inutile dire che i miei pensieri, talvolta, convertono lì. Sarei falsa , a non ammetterlo.

C’è sempre una ragione per tutto.

Riusciremo anche stavolta, a farcela.

Con un’unica eccezione. Non chiederò di entrare in Sala. L’ho fatto per altri interventi. Ora mi prendo il lusso, di esser codarda.

So che sarà in ottime mani.

Nel frattempo, prego .

Ieri sera, intanto, dopo tantissimi anni, una persona a me cara, amica dei vecchi tempi, mi ha mandato un’immagine bellissima.

Ci siam sentite. Ci siam commosse.

Mi ha detto di tenerla informata. Che ci penserà e pregherà per noi.

Io le ho risposto ” Sicuramente. Mi fa tanto piacere averti risentita. Il filo che ci ha unite per tanto tempo, ora, si è riannodato “.

In mezzo a tutto questo marasma, una boa è riaffiorata.

Non mollo.

Vinceremo!

132 pensieri riguardo “Non mollo!

  1. Carissima Dina sii forte per tua mamma,noi tutti vi circondiamo con il nostro affetto,senza dimenticare di mandare le nostre preghiere al cielo.
    Non si può stare più tranquilli adesso,questo male sta dilagando ovunque,una vera epidemia.
    La cosa più importante è che sia benigna,aggrappati a questo pensiero insieme al nostro grande affetto per te.
    Ti siamo tutti accanto…andrà tutto bene…andrà tutto bene Padre Pio❤

    "Mi piace"

      1. A San Padre Pio,con la mia famiglia ci sono stata un paio di volte quando era in vita.
        Si aspettava all’alba l’apertura della Chiesetta per la prima messa.
        Era molto sofferente, molto curvo con le mani fasciste,fosse per lui la messa poteva durare in eterno,era tutt’ uno con Gesù,Come se fosse solo con Lui,pregava in continuazione.
        Veniva aiutato da due monaci,ogni messa durava più di due ore.
        Era il 1963,nella prima piccola chiesetta stracolma di persone,erano gli ultimi anni di quel grande Santo.
        Ciao carissima come vedi a volte il pensiero anche da lontano..unisce.Abbiamo bisogno di lui che interceda per noi verso il grande Cuore di Gesù.
        Ti abbraccio forte.

        "Mi piace"

  2. Ma si può essere così disumani? Io, quando sarà tutto finito (perchè sono sicura che finirà bene, non ho dubbi, non può essere altrimenti) andrei al tribunale del malato a denunciare il fatto e soprattutto il nome di questa dottoressa perchè manco una capra si sarebbe comportata in questa maniera. Dovrebbe davvero vergognarsi!
    Io faccio una carezza e un abbraccio di solidarietà e di forza alla tua mamma e ti mando un baciobacio grosso grosso a te. Forza e coraggio mi raccomando! Tua mamma adesso ha bisogno di te, del tuo coraggio. ❤ ❤ ❤ ❤ ❤

    Piace a 1 persona

    1. Sì, appena le acque si saranno tranquillizzate, provvederò a segnalarla a chi di dovere.
      Ma le telefonerò anche, giusto per rammentarle come ci si comporta con i pazienti.
      Grazie❤️

      "Mi piace"

  3. Non metto ‘like’ è molto brutto quello che ti ha coinvonto dalla notizia (cosa più importante? al comportamento privo di compassione.
    Styo vivendo con mio fratello una esperienza analoga e non voglio aggiungere altro.
    sheratiabbracciofortecontantiauguriallatuamamma

    Piace a 1 persona

  4. ieri ho saputo che a mia zia é stato diagnosticato un carcinoma duttale infiltante B5-G2. Deve fare altre analisi prima di decidere il percorso da seguire… sembra che il cancro non voglia mollare la mia famiglia, ma la voglia di non mollare c’è tutta. Vi abbraccio forte, a te e alla tua mamma

    Piace a 1 persona

  5. Se ci son parole adatte a cosolarti, a darti la forza per combattere e vincere anche questa battaglia, sono sicura che le troverai nel profondo del tuo cuore dettate dalla tua fede. Io nel mio piccolo, stasera vi includerò nelle mie preghiere. Per ora ti stringo in un fortissimo abbraccio. Non ti conosco personalmente, non il tuo volto, ma ormai conosco il tuo cuore, la tua forza, la tua dolcezza. Hai fatto bene a far cambiare dottore alla tua mamma. Ha bisogno di dolcezza non di arroganza.

    Piace a 2 people

    1. Sì, Dio so che mi è vicino.
      Hai detto bene. Abbiamo solo bisogno di dolcezza.
      Certi medici, dovrebbero per punizione, svolgere per alcuni mesi, un lavoro diverso per far capire loro, come , con poche parole, possano ledere una persona.
      Grazie del tuo affettuoso abbraccio.
      Mi ci rannicchio volentieri, mia dolce Laura❤️

      "Mi piace"

    1. Ah…cavolo!
      Grazie.
      No, non dici “niente” quando affermi di pregare per me.
      È un dono che io apprezzo tanto.
      Esser ricordarti nelle preghiere di una persona, è un gesto importante .
      Per me, in assoluto, il più bello!
      ❤️

      "Mi piace"

      1. Io lo so e quindi ti penso. Io vedevo i sorci verdi. A volte quando ero in istituto mi sentivo in una cavolo di bolla a cui mi aggrappavo. Era come se alla fine non mi volessi staccare da quel luogo tanto ne ero dentro.

        Piace a 1 persona

  6. Quanto mi dispiace Dina!
    Ma davvero tu sei forte, davvero la Fede vi aiuterà.
    Sto attraversando questo periodo con una mia amica, alla mamma sta accadendo la stessa cosa della tua. Mi ha telefonato, mi ha voluto vedere, parlare.
    Mi ha detto che io sono il suo aggancio e io mi sono resa disponibile, mai lascerei sola una persona che chiede aiuto, conforto, Amicizia.
    Io non “vi” lascerò sole, posso solo farlo con la preghiera, e lo farò.
    La Madre celeste non ci abbandonerà, è Madre, è Figlia, è Speranza eterna.
    Ti abbraccio, abbraccia per me la tua mamma. Spero vi arrivi il mio calore.
    Sono con voi, ogni giorno.
    Informami quando hai volgia e tempo.
    ❤ ❤ ❤

    Piace a 2 people

          1. Io sono appena tornata da un incontro di preghiera.
            Al termine c’erano dei biglietti avvolti da nastro, in dono.
            Sai a me cosa è uscito? Lo Spirito soffia in te positività.
            Come non credere?

            Piace a 1 persona

          2. Li ho frequentati per 15 anni. Sono stata felice!
            Poi dopo la morte di mio marito ho perso tanti contatti. Non avevo più nessuno che mi accompagnasse a casa e così…
            La mia è stata una casa di preghiera e accoglienza.
            E l’appuntamento a S.Eustorgio il lunedì, la Convocazione di Rimini e le settimane a Loreto erano cibo dal cielo.

            Piace a 1 persona

          3. Ma dai! Che peccato!
            Ti capisco, sai?
            Sono ossigeno puro. I canti del rinnovamento poi, son una vera forza.
            Lodare e cantare, con altre persone, è sempre fonte di arricchimento.
            È come hai espresso perfettamente tu, son come cibo dal Cielo.

            Piace a 1 persona

          4. Che nostalgia!
            Io li conoscevo a memoria e li ascoltavo spesso.
            Dopo un po’ di anni mi sono innamorata dei canti della Comunità delle Beatitudini, specialmente quelli con testi di Santa Teresa di Gesù Bambino, la mia Santa del primo ottobre, giorno del mio compleanno ❤
            Ora ti abbraccio, a presto!

            Piace a 1 persona

  7. Ecco che professione e vita s’intrecciano e tutto quel controllo, quella terza persona che si crede d’aver introiettato , vacilla, c’è bisogno della spalla su cui piangere, di veder volti amici, empatia, anche per dimenticare la disumanità di una certa operatrice deficiente di psicologia, di bontà, di umanità appunto e men che mai d’empatia, (si taglia, recide asporta…benvenuti in macelleria!). Da questa Tua drammatica dolenza, una denuncia, ancor più grave e dovuta, perché proviene dall’interno di un sistema, che pur dovrebbe i suddetti talenti dell’anima e del cuore, doverosamente, obbligatoriamente possederli.
    Tu con la Tua estrema sensibilità e vulnerabilità che sempre riesci a far diventare delicata forza, annulli la brutalità e doni speranza .

    Piace a 1 persona

    1. Ieri quando ho letto queste parole, ho pianto.
      Mi emozioni tantissimo.
      Hai descritto il mio stato d’animo, come se avessi letto nel mio cuore…
      Ti abbraccio.
      In silenzio.
      Grata del tuo tempo.😘

      "Mi piace"

  8. Sto metabolizzando quello che ho letto… non è maligno, non è maligno. Signore GRAZIE. Sarò seduta accanto a te aspettando che l’intervento finisca. Ti abbraccio con tutto il mio bene e dai un bacio da parte mia a tua mamma. Andrà tutto bene ❤️

    Piace a 1 persona

    1. Sì, continuo a ripetermelo anche io…
      Non è maligno.
      Grazie delle tue parole. Domani bacerò mia mamma ( le avevo raccontato di te. Della tua forza straordinaria ) da parte tua.
      Ricambio l’abbraccio.
      Fortissimoooooooooooooooooo😘

      Piace a 1 persona

    1. In effetti son restata basita anch’io, al telefono.
      Un misto di perplessità e rabbia.
      Inammissibile!
      Grazie dei tuoi abbracci. Mi danno carica e mi fan sentire coccolata…
      ❤️❤️❤️

      "Mi piace"

  9. Cara Dina, mando giù…non è un racconto come un altro per me questo! E gli auguri per la data che un giorno è stata molto importante avrei voluto farteli in maniera diversa. Ma questa è la vita e io adesso non posso fare molto più che pregare per te e vorrei abbracciarti dal vivo. Ti voglio bene🙏🌸

    Piace a 1 persona

  10. È sempre difficile ma tu hai fatto tutto quello che potevi per mettere tua mamma nelle mani giuste, affrontando anche l’ignoranza e l’arroganza di una donna che anziché lavorare in ospedale, per sensibilità potrebbe fare la netturbina… vedrai che il percorso iniziato sistemetà tutto 😘

    Piace a 1 persona

  11. Mh… a quella dottoressa andrebbe fatta una lavata di capo da antologia, forse forse la smetterebbe di credersi una divinità in terra 🤔

    A parte questo che dire? La mazzata è tremenda ma almeno qualcosa si può fare, e pzienza se il seno dovesse essere asportato del tutto, quello si può sempre rifare dopo, l’importante è togliere quello che di dannoso c’è dentro.

    Un abbraccio è poco ma più tardi ti scrivo una mail 🙂

    🤗😘😘😘😘😘

    "Mi piace"

    1. Sì Adriano.
      Hai ragione. Domani riprovo a contattare quell’essere acido e dispotico. A nome dei suoi futuri pazienti. Chissà che non si faccia un esamino di coscienza. Caso mai ce l’avesse!
      Grazie della tua presenza.
      😘

      Piace a 1 persona

  12. Mi dispiace Dina. Per la notizia, per la tua mamma e per come siete state trattate da chi, probabilmente, ha perso empatia al punto tale da non vedere più che davanti a sé ci sono persone e non malattie con le gambe.
    Per fortuna hai mestiere, appoggi e conoscenze mediche dalla tua parte ed è un bel passo avanti su una strada difficile.
    Un abbraccio di cuore.

    Piace a 1 persona

  13. Ciao Dina, c’ho lottato venti anni con questo schifo. Controlli e controlli e poi ancora e soprattutto tanta pazienza e serenità da parte di quelli che le stanno vicino. Non è facile, non è per niente facile, ma tu hai un’anima bellissima: vedrai che trovi i tempi giusti. Potessi starti a fianco ricomincerei daccapo. TVB

    Piace a 1 persona

  14. non credo di avere parole che ti possano consolare, l’unica cosa che posso dire e’, che essendoci passata, so perfettamente quello che stai provando. Io ero assolutamente disarmata da competenze di qualsiasi genere e la situazione era molto piu’ grave; tu hai dalla tua una certa conoscenza delle malattie, conoscenze a cui fare riferimento ed una forza ed un coraggio indescrivibili. Poi come si dice, il Signore affida pesi a chi ha spalle forti per sopportarli. Sii serena perche’ sono certa che andra’ tutto per il meglio. Un abbraccio che, anche se virtuale, spero ti riscaldi. ❤❤❤

    Piace a 1 persona

  15. Ti abbraccio cara Dina, io so cosa significa quando arriva la notizia di tumori maligni … mio Gianni viene operato il 14 marzo..

    per la tua madre ti auguro tutto il bene del mondo… 💋🌻

    Piace a 1 persona

  16. Ti stringo forte, hai affidato la tua mamma in buone mani. Ad una persona che saprà prendersi cura di lei e anche di te. Sei forte e quindi prenditi il lusso (più che meritato) di sentirti spaventata e fragile, ti renderà ancora più forte. Ti abbraccio forte. ❤ ❤ ❤

    Piace a 2 people

  17. Dina, ti ho appena risposto alla mail che mi avevi inviato, poi arrivo qui e leggo questa notizia. Mi ha toccato profondamente, come posso nasconderlo?, ma stiamo calme, cara, perché vinceremo anche questa battaglia, ne sono sicura. Io l’ho vissuta con la mia mamma tanti anni fa, quando la quadrantectomia non si sapeva nemmeno cosa fosse. Ma abbiamo vinto. E vinceremo anche adesso. Hai ragione, la tua mamma è in ottime mani, in quelle del chirurgo che avete scelto, ma soprattutto nelle mani di Dio. Lui sa. Ti stringo forte a me, amica mia, e prego. Per la tua mamma, per te, per tutta la vostra famiglia, che il Signore vi benedica, vi protegga, vegli la tua mamma, dia coraggio al tuo papà e dia a te la forza di affrontare anche questa nuova prova. Non mollare. Vinceremo! ❤

    "Mi piace"

    1. Tu sei Speciale!
      So quanto ti è costato scrivere. Ogni sillaba è uno sforzo immane.
      Lo so.
      Non posso che stringerti forte.
      Nelle mie braccia, tutta la gratitudine del mio cuore.
      Notte, mia dolce amica💫❤️

      Piace a 1 persona

  18. Dina…. 😘 La vita è una continua prova… Non mollerai lo so ma almeno questa poteva evitartela. Più uno ha un cuore grande più viene messo alla prova. Ti sto vicina e pregherò per mamma e per la tua forza. ,😘

    "Mi piace"

Grazie per il tuo prezioso tempo!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...