Pensieri semi- notturni


Ed allora, stanca della giornata, appoggio la testa sul cuscino, e prima che il sonno mi culli, non posso fare a meno di sorridere.

Felice!

Seppur il lavoro sia stato pressante. Un paziente dietro l’altro.

Una signora mi ha ripetuto decine di volte che non voleva la cicatrice troppo lunga. Un altro ( di ottant’anni), di fare attenzione ai baffi, quando avremmo tolto il cerotto che sosteneva il tubo endotracheale. Poi, quell’altra , che mi segnava il punto preciso per introdurre l’ago cannula per collegare la flebo. “Lì, vede? Non troppo vicino alla piega del braccio. Ma non sulla mano, altrimenti fa troppo male. Mi raccomando che non senta dolore ! E poi mi metta il cerotto ben stretto, così, se mi muovo, non c’è pericolo che si sposti.”

Santa, santissima pazienza.

I chirurghi che incalzano” Lo mettete su?”. Arrivano in Sala con le mani gocciolanti ed io devo porre loro la salviettina sterile per asciugarsi, che ancora non ho finito di preparare tutti Ferri.

Arriva il cambio.

Si danno le consegne e si saluta.

Faccio la spesa. Devo prendere due cose. Cribbio, come al solito, lascio la borsa apposita, quella plastificata grande,  in auto ( insieme alle sue quattro/ cinque compagne) e mi ritrovo alla cassa con una decina di prodotti,  per i quali mi devo far dare quella cacchiosa di borsina ecologica, che va sostenuta sotto, con la mano, perché sai già in partenza, che non arriverà integra alla macchina.

Poi accompagno Andrea, mio figlio maggiore, a portare un curriculum ( stranamente mi ha chiesto se gli potessi tener compagnia lungo il viaggio) a Cremona. Durante il tragitto, ascoltiamo la “sua musica” su chiavetta. Canticchiamo le canzoni. Lui in perfetto inglese, io, in bresciano-anglosassone. Si ride. Ci si racconta la giornata. Domani andrà a Milano, per un colloquio per fare l’animatore di villaggi. Orgogliosa. Sì, tanto. Ma con una fifa blu. Ma stasera, non voglio pensarci. Io e mio marito Alex, ne abbiamo già parlato. Andrea  è entusiasta. Altre offerte, per ora, tranne una breve esperienza, non sono arrivate. Staremo a vedere…

Facciamo tardi. Ci sono altre persone. Ho una riunione.

Cavolo! Telefoniamo a casa e proponiamo di fermarci al Mc drive. Reby non se lo fa ripetere due volte. Mio marito, il più sano di mente, declina l’invito. Dice che si farà una minestrina.

Ci sono autisti che vanno settanta all’ora, sulla tangenziale. È tardi! Muovetevi brutte lumache !

Mi mangio il panino in auto, tra una buca e l’altra del pessimo asfalto. Andrea che ride quando la maionese mi schizza in faccia.

Io che abbasso la radio e lui che la alza.

È terribilmente tardi. Ma quanto ridere!

Arriviamo a casa, con l’auto che trasuda odore di Mc. Corro a lavarmi i denti.

Un bacione a Reby ed un abbraccio.

Un bacio ad Alex.

Riparto. Tra un pezzo di panino sullo stomaco e  l’aroma della coca-cola, sento in me tanta felicità.

Mi godo ogni istante. Non spreco nulla dei momenti che scorro con chi amo. Li assaporo sulla lingua, con parsimonia.

Li raccolgo tra i capelli, come una margherita d’inverno.

Non passano mai inosservati. Non sono semplici colori complementari.
Sono tinte Essenziali.

Vanno catturate.

Vanno avvolte.

E lasciate lì a decantare.

Perché un giorno, seppur la memoria dovesse essere annebbiata, possa ritrovare, almeno, il loro profumo…

 

Annunci

64 pensieri riguardo “Pensieri semi- notturni

  1. Dina cara, con questo post ti sei meritata due grazie, uno perché come al solito è piacevole e un altro perché hai fatto riaffiorare il profumo di un ricordo bellissimo: la mia bimba ancora piccolissima , 5/6 mesi, l’ho dovuta lasciare per tre giorni per lavoro. Era la prima volta che la lasciavo, con la mia mamma, ma era sempre la prima volta. Tornata a casa suonai il campanello (anche oggi non so perché non usai le chiavi), senti i passi di mamma che veniva ad aprire. Aperta la porta la vidi con in braccio la piccola. Non dimenticherò mai l’emozione provata. La mia bimba si illumino’ sorridendo e poi, non riuscendo a contenere l’emozione, scoppiò a piangere…e il mio cuore si sciolse!!!!
    Buon tutto

    Liked by 1 persona

  2. Il profumo dell’amore! Che Dio ti benedica, Dina, sai infondere la gioia nel cuore degli altri. Ti abbraccio forte, cara, grazie per tutto ciò che sei. Spero che i tuoi giorni siano sempre sereni, che il tempo che passa porti via dai tuoi pensieri ogni velo di tristezza. Un bacio. 😀 ❤ 😀

    Liked by 1 persona

    1. Ma ciao, cara Marianne❤️.
      Grazie delle tue speciali ed affettuose parole.
      Mi fanno emozionare.
      Mi donano serenità.
      Ricambio con piacere il tuo abbraccio.
      Spero che tu stia abbastanza bene.
      Nelle mie preghiere, ci sei spesso.
      Grazie ancora❤️❤️❤️

      Liked by 1 persona

      1. Grazie a te per le tue preghiere. ❤ Purtroppo non sto affatto bene, per questo non riesco a restare costantemente in contatto con tutti i miei "amici virtuali", con te e con gli altri. Leggo, qualche volta commento, oppure mi limito a cliccare qualche like. Anche il mio blog è bloccato da un paio di settimane, ma non riesco a fare tutto quello che vorrei. Anche le mie mani funzionano poco, dopo averle usate tutto il pomeriggio al lavoro, la sera non ce la fanno a mettersi ancora a scrivere 😀 Pazienza!, farò quello che posso, come dici tu, di pazienza ce ne vuole tanta, per una cosa o per l'altra. Sono contenta che ti arrivi l'affetto con le mie parole, perché c'è davvero, sono molto affezionata a te, non pensavo fosse possibile, invece ho scoperto che si può provarlo anche se non ci si conosce fisicamente. Spero che ti arrivi sempre. Grazie, cara, ti auguro una buona serata e ti abbraccio ancora. ❤ ❤ ❤

        Mi piace

        1. Avevo immaginato.
          Infatti ti avevo inviato via email una cosa. Giusto per dirti che ti pensavo. Che non sei sola.
          Mi spiace veramente tanto.
          Sai, anch’io non pensavo si potesse nutrire affetto, attraverso questo “sistema” virtuale.
          Grazie per le tue parole. Che hanno un eco musicale.
          Ricambio l’abbraccio. Dio ti benedica.
          ❤️

          Liked by 1 persona

  3. Sono pienamente in sintonia con te! Bellissime le parole con cui descrivi il tutto e in cui mi riconosco.. Ogni istante, ogni momento brutto o bello che sia ha qualcosa di magico da essere vissuto a pieno in tutte le sue sfaccettature.. Grazie, è sempre bello leggerti 😘

    Liked by 2 people

    1. È un grande dono, comprendere che il tempo trascorso, con i propri figli, è importante.
      Condividere. Dialogare. Ridere.
      Stare bene, insieme.
      Anche se si è stanchi. Se vorresti solo riposare.
      Le lancette dell’orologio, non danno tregua.
      No!
      Loro crescono.
      Noi invecchiamo.
      È il ciclo naturale della vita.
      Cerco di non avere rimpianti.
      Non vorrei mai pensare “ Peccato… ora non c’è più tempo…”.
      Grazie🌸

      Mi piace

      1. È un dono bellissimo! Ultimamente la stanchezza aveva preso il sopravvento, ma siamo riusciti a trovare un nuovo equilibrio ed il tempo insieme è tornato ad essere semplicemente perfetto, con i capricci, i dispetti tra fratelli e tutto il resto. Ma ritrovata la ‘mia’ armonia tutto il resto si è incastrato nella maniera giusta. 😊 grazie a te che mi fai sempre riflettere 😘

        Liked by 2 people

Grazie per il tuo prezioso tempo!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...