Spettacolo del cuore…

Ieri sera, appuntamento a Teatro per tutti i ragazzi delle terze medie ed i loro genitori, per assistere alle ” videopoesie”.

Ogni classe, ha presentato un video, con musiche straordinarie e coinvolgenti , recitando ed affrontando tematiche a loro care.

Sinceramente pensavo che mi sarei un po’ annoiata. Il caldo infernale e la folla, però non hanno affatto intaccato il valore dello spettacolo, cui ho assistito. Ed ho dovuto ben presto, ricredermi.

Nell’aria si respirava la felicità per il ” quasi termine dell’anno scolastico” (a breve ci saranno gli  esami). 

I ragazzi entusiasti, ad ogni uscita del filmato, battevano le mani e ridacchiavano contenti.

Noi adulti, ci siamo zittiti , davanti ai loro lavori.

Ci hanno insegnato, molto più di quello che pensavamo…

I temi riportati sullo schermo del teatro, erano impastati di serietà ed entusiasmo.

Alcuni erano:

Il rispetto di vitale importanza per il nostro pianeta,  spreco, ……..

I due che più mi hanno centrato il cuore, sono stati il bullismo e la violenza sulle donne .

Il bullismo terminava con la frase che oggi contano sui social, più i like, che non dire ” ti voglio bene” . 

L’altro, vincitore, della manifestazione, ha fatto alzare il pubblico dalle seggiole, che ha applaudito a lungo.

I ragazzi ” picchiavano ” le ragazze, recitando scene famigliari, dove imitavano il papà e la mamma che litigavano. Oppure il fidanzato che per gelosia, inveiva contro la propria ragazza.

Al termine, sullo schermo , sono apparse molte studenti, con lividi violacei sul viso. Volti in lacrime. Sguardi tristi. Tumefazioni sulle  braccia e sulle gambe….

Il filmato terminava con:” Ma poi, di che colore diventa l’anima?”.

Anche una bidella, ha fatto una piccola parte recitata.

Quando le premiazioni sono terminate, è successa una cosa che mi ha fatto emozionare. 

Tanto, tanto!

I ragazzi, hanno iniziato a battere i piedi e ad urlare il nome della bidella: ” Zemira, Zemira, Zemira”.

Tutti alzati a chiamare sul palco, la signora. 

Io l’ho vista a scuola diverse volte, ma ho iniziato a conoscerla e a volerle bene, attraverso i racconti di mia figlia Rebecca. La quale adora questo dono di Dio! 

Sempre gentile, disponibile coi ragazzi. Pronta alla battuta. A consolare chi usciva in castigo, in corridoio. Solerte a telefonare ai genitori, quando un figlio stava male. Seria nel rimproverare gesti di maleducazione. Attenta ai bisogni, di chi si rivolgeva a lei, con affetto.

Sono tanti i bidelli, a scuola. Ma ieri sera,  guardavano con invidia, questa donnina anziana( prossima alla pensione) , alta poco più di un metro. 

Ha raggiunto il palco, accompagnata a braccetto da uno studente.

Piangeva. Col fazzoletto che non riusciva a staccare dal viso, quasi a volersi timidamente nascondere. Il ragazzo non le mollava la mano. Quasi a sorreggere la sua umiltà e renderla grande.

Le mani alzate in alto. A salutare questo legame indissolubile, creato con costanza, generosità e grande rispetto, da entrambe le parti.

Anche noi genitori, eravamo in piedi.

Tutti, all’unisono, eravamo una grande, meravigliosa famiglia.

Dove contava solo dimostrare senso di gratitudine. Esprimere quanto lei fosse importante.

Per ciò che aveva rappresentato.

Un abbraccio confortante.

Una risposta sincera ad un dubbio.

Un’anima buona in mezzo al frastuono della vita di uno studente! 

Ed io, tra le lacrime di gioia, son tornata ai miei ricordi fantastici. 

Dove abitano alcuni bidelli speciali, che occupano un posto importante, nel mio cuore…

36 pensieri riguardo “Spettacolo del cuore…

  1. E’ vero, i ragazzi sanno stupirci sempre perchè la loro sensibilità e la loro intelligenza se riescono a tirarla fuori, porta a creare delle opere d’arte. Omaggio alla bidella e all’amore e alle attenzioni di cui ha saputo circondare tutti i suoi studenti.

    Piace a 1 persona

    1. Si, bisognerebbe rivalutarli con maggiore attenzione.
      Spesso hanno solo bisogno di aiuto, per portare alla luce, le loro potenzialità.
      La bidella, ha saputo esser ancora⚓️, cui appoggiarsi, per riposare le fatiche e le preoccupazioni.
      Grazie, cara🌹

      Piace a 1 persona

    1. Ma grazie, carissima!
      Ne sono proprio contenta. Io sono farcita di emozioni. Mi commuovo con poco.
      E sto bene. Sono felice.
      Mi piace, quando anche altre persone, ne possono godere i benefici!
      Ti abbraccio fortissimoooooooo ❤️❤️❤️❤️

      Piace a 1 persona

  2. Davvero una iniziativa lodevole ed interessante.
    A me sarebbe piaciuto assitervi.
    per la bidella che dire…ce ne fossero di persone così!
    mi auguro che questo concentrato di emozioni e messaggi resti nel cuore dei giovani, siano la spinta a non cedere mai al mondo superficiale di oggi.

    Piace a 1 persona

  3. Mi hai fatta commuovere sai? Perché anche noi l’ultimo giorno di scuola abbiamo applaudito i bidelli più cari, con il coro “Andrea! Andrea uno di noi!”, e poi ancora fuori da scuola dalle scale… i bidelli sono pilastri della scuola 🙂

    Piace a 1 persona

Grazie per il tuo prezioso tempo!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...