Per Rebecca, una scrittrice speciale.

Reby è una bimba timida.

A scuola, i compagni, la prendono in giro, perché ha le calze scucite ed indossa quasi sempre gli stessi vestiti.

Il suo colore preferito è il rosso. Così, quando le sue guance si accendono di timidezza, si mimetizzano perfettamente con la stoffa.

Un giorno, mentre ritorna a casa, si siede su una panchina, nel parco, vicino a casa, per riprendere fiato. È talmente contenta, che il cuore batte così forte, da farle quasi mancare il respiro.

La maestra, davanti a tutta la classe, le ha detto che ha svolto il tema più bello, di tutti gli altri. Con una calligrafia che sembra volare fluida e scattante, lungo il foglio. Come se le lettere, danzassero sulla carta.

Le” I”, con puntini maestosi come signorine impettite, col cappello. Le “A”, le prime donne, sempre a voler allargare ancora di più le stanghette, per occupare maggior spazio sul foglio . Le “O”, pronte a rotolare e far dispetto alle altre. Le “B”, gonfiandosi di orgoglio per apparire più grandi. E  così, via discorrendo…….

Tutti i compagni hanno iniziato a guardarla con occhi diversi. Ed al termine delle lezioni, c’è stato chi le ha chiesto come facesse a scrivere così bene.

Reby, imbarazzata ma felice, ha risposto che è merito del suo gatto Moyto, perché le tiene compagnia e le trasmette la sua calma. Le è sempre vicino. E le sorride, contento di vederla scrivere.

Ma Reby, ha un segreto. Uno di quelli speciali.

Un giorno, al risveglio, dopo aver pianto la sera, perché la mamma non aveva più soldi per comprare un’altra penna,  ha trovato una piuma nera sul comodino.

Una piuma di cigno. Lunga e morbida.

Le viene così in mente, di quando il giorno prima, si è accorta che un cigno nero si è appoggiato sul davanzale della sua finestra, osservandola con curiosità, mentre sforbiciava ritagli di carta colorata, che lei ama appendere  allo scacciapensieri, nella sua stanzetta.

Ma quando lei si alza per recarsi ad ammirarlo da vicino, lui, vola via via.
La piccola, non sa però , che non è un cigno qualunque, no, è nato bianco, ma con la passione di volare nel pomeriggio, tra i tetti delle case e guardare i bambini scrivere e  disegnare.

Lo splendido animale, ha chiesto in dono a Dio, che le piume potessero esser rivestite di inchiostro, così da poterle regalare a chi desidera tracciare sogni indelebili, sulla carta.
Da allora, la bimba, ospita spesso i suoi amici e insegna loro a scrivere bene. È anche più sicura di se stessa ed arrossisce un po’ meno.

Ogni mese, quando la piuma esaurisce l’inchiostro, Reby  trova un sacco di iuta, con scritto” Per una scrittrice speciale”.

E lei afferra le forbici, taglia il nastro che tiene ben chiuso il pacco e prende le morbide piume, ammirandone i riflessi lucidi, di nuovo e sfavillante colore nero.

Moyto, la aiuta a nasconderle sotto il tappeto. Custodendo con cura il loro segreto.

42 pensieri riguardo “Per Rebecca, una scrittrice speciale.

  1. Bellissima. Riprendendo alcune parole di chi ha commentato prima di me… vorrei dirti che Reby ha sicuramente doni speciali, ma il dono più grande è avere una mamma come sei tu, dille che è fortunata, non tutti ce l’hanno una mamma così (o non ce l’hanno mai avuta). Vi abbraccio entrambe. ❤ Sereno fine settimana.

    Piace a 1 persona

  2. Questo racconto mi ha emozionato. E’ bellissimo.
    Racchiude la delicatezza del tuo animo, quello che sa capire come si può incoraggiare chi si sente insicuro, le parole trasmettono tanto, anche coraggio.
    La tua anima immensa e colma d’amore è un grande dono cara Dina. Dio lo ha dato a te perchè sapeva che ne avresti fatto buon uso ❤

    Piace a 2 people

  3. Ho assaporato ogni tua parola, devo dirti che mi sono realmente emozionata! Tua figlia ha un dono speciale :
    quello che io chiamo: la melodia dei sentimenti. Le sue lettere, le sue parole, sono note perfette in una melodia che accoglie l’anima di chi legge; la culla in attimi di pura tenerezza!
    Adriana Pitacco

    Piace a 1 persona

    1. Sinceramente, quando qualcuno mi segue, non mi pongo mai questa domanda.
      Anzi, ne sono onorata.
      Io seguo solo, chi attraverso le foto o i post, può arricchirmi o interscambiare opinioni.
      Ho quasi cinquant’anni. Sono moglie e mamma. Lavoro.
      Non ho secondi fini.
      Ma se per te, è un problema, non ti seguo più.
      Mi spiace se hai frainteso.
      Ciao.

      "Mi piace"

Grazie per il tuo prezioso tempo!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...